Come superare il Trip alla Ted Mosby e farsi una trombamica

Piercing sul labbro inferiore, tatuaggio fra le tette, tendente al masochismo, superficiale nei rapporti di coppia.

E’ la trombamica perfetta.

Incredibilmente, l’ho conosciuta su Tinder. Dico incredibilmente perché di solito le tipe che sono su Tinder hanno un qualche tipo di problema psicometabolico, o semplicemente sfruttano il fatto di riuscire a farsi delle foto dove sembrano molto più fighe che nella realtà. Lei invece ha tutte le cose al posto giusto.

 

 

Si è tolta da Tinder dopo che siamo usciti e non ricordo come abbia fatto ad attaccare bottone.

Fatto sta che le propongo varie volte di acchiappare un’amica e di raggiungere me e i miei amici a degli eventi, ma non riusciamo mai a beccarci.

Questa storia va avanti un paio di mesi, in cui ci sentiamo si e no una volta a settimana, senza che io l’abbia mai proposto un vero e proprio appuntamento, finché un giorno…

 

Screenshot_2015-04-29-10-07-04

 

Quattro giorni dopo le ho detto che sarei andato, da solo, alla presentazione di un nuovo libro di una giovane scrittrice alla Feltrinelli e le ho chiesto di accompagnarmi.

Ci troviamo al bar e andiamo a vedere questa presentazione, poi chiaccheriamo un po’ con la scrittrice, che ha la nostra età e ci invita a rimanere per l’aperitivo.

Quando la porto a bere la birra più buona del mondo (la Kwak) abbiamo passato circa un’oretta e mezza insieme, le prime resistenze iniziali ormai si sono sciolte e la conversazione è scorre che è una meraviglia.

 

Ma (c’è un ma), non arriva mai il momento del bacio.

Non c’è la giusta atmosfera. Ci guardiamo negli occhi, ci sfioriamo nei momenti giusti, ma manca qualcosa, solo che, non sapendo cosa, finisce che ci incamminiamo verso casa sua senza che sia successo niente. 

 

– Oh Victor, ma che ti dai una svegliata?

– Sono sveglio, che vuoi?

– No beh sai in teoria siamo usciti per chiavare, poi, nel senso, se non ti va, liberissimo di farti i cazzi tuoi, ci mancherebbe.

– Ripeto: che vuoi da me? Sei tu che ti stai comportando da amichetto gay. Hai fatto zero allusioni.

 

Realizzo improvvisamente che è vero.

Di solito ad un certo punto un “non sai cosa ti farei” ci scappa, stavolta invece no, ero rimasto sulla difensiva.

Arriviamo sotto casa sua, la guardo negli occhi e penso che la vorrei attaccare al muro, ma sono bloccato. Chiuso in una pentola a pressione, incapace di sollevare quel pesantissimo coperchio di seghe mentali che mi opprime.

Cosa mi sta succedendo?

 


Il temibile Trip alla Ted Mosby

  • senso di compressione della scatola cranica, focalizzata dietro alle orbite oculari e sulle tempie,
  • senso di confusione che sembra vuoto mentale ma che in realtà è un frenetico accavallarsi di pensieri sconnessi,
  • la mente cerca disperatamente di trovare una giustificazione per la mancanza di azione, senza successo,
  • esiste una sola via di fuga, ma, essendo proprio quella che spaventa di più, fare o dire la cosa giusta sembra impossibile,

 

il tutto si risolve tipicamente nella totale inazione o in un ultimatum disperatamente romantico e cavalleresco, che butta tutta la responsabilità dell’interazione sulla ragazza.

In entrambi i casi non si scopa.

 

E’ molto simile al blocco dello scrittore, come sensazione.

Stai lì, fissi il foglio bianco, non sai cosa scrivere e il tempo passa.

Stai lì, fissi quegli occhi color nocciola, non sai cosa dire e lei si annoia.

 

Il TTM è un vortice di seghe mentali che ogni giorno preclude a milioni di uomini in tutto il mondo di arrivare al sesso con una ragazza che gli piace.

 

C’è solo un modo per uscirne.

 

Quando non so cosa scrivere, semplicemente penso a quello che ho paura di confessare agli altri e comincio a metterlo nero su bianco.

– James Altucher

 

Nel flirt vale esattamente lo stesso principio.


 

Consapevole di tutto ciò, decido di togliermi le pigne dal culo: la guardo negli occhi e inizio ad avvicinarmi, lentamente, con molta sicurezza, nonostante il maremoto interno.

Lei non si sposta.

La bacio.

 

– Bene, sei soddisfatto? Adesso andiamocene.

– Ma sei fuori? Proprio ora che l’ho baciata?

– Appunto, c’hai messo 6 ore per un bacetto e c’hai lo stomaco sottosopra come una verginella, io mi rifiuto di lavorare in queste condizioni.

– Lavorare???

– Lo sai che ci tengo alle mie performance

– Non capisco se sei serio o se mi stai sfottendo.

– Fai come ti dico e basta, Ted Mosby del cazzo.

 

Obbedisco: mi stacco, la saluto e mi congedo.

 

Il giorno dopo sono ancora in hangover: tutto quello che dirò o farò in questo stato sarà poi usato dalla ragazza per costruirsi un’immagine mentale di me che non corrisponde a quella che voglio che abbia.

 

– La desidero

– Stai zitto.

– Anzi ti dirò di più, forse provo qualcosa per lei

– Ahahahaha, si certo, come no! La verità è solo che ti rode perché non te la sei chiavata.

– Sei troppo cinico. Non voglio perderla.

– Ma chissenefotte di questa tipa! Non sai nemmeno se sa fare i pompini MIODDIO si può sapere che te ne frega?

– Non so cosa fare… Le mando un messaggino?

– No.

– E se poi la perdo?

– Non la perdi se ti fai i cazzi tuoi, la perdi se ti appiccichi. Le donne sono attratte dagli uomini indipendenti e anche abbastanza disinteressati e rimangono attratte solo fintanto che non ti sentono completamente “loro”. Dai, questi sono i fondamentali proprio. Non ti sei mai inzerbinato in 5 anni di fidanzamento e cominci adesso con delle tipe a caso dopo 2 ore che le conosci? Se c’avevi scopato a quest’ora non te ne sarebbe fregato più nulla. Non scriverle, fatti i cazzi tuoi.

 

QUEPASA

 

– MA ALLORA SEI DAVVERO UN COGLIONE!

– Ho ho voglia di rivederl-

– TACI PIRLOMANE! SE LE RISCRIVI DA DOMANI IO MI CHIAMERO’ VICTORIA E TI FARO’ CHIAVARE TUTTI I TRANS DELLA CITTA’

– …

– HAI CAPITO?

– Si, si ho capito…

 

 

 

Se non hai un forte equilibrio psicologico, gli effetti di un TTM possono precluderti qualsiasi relazione sana con una donna.

 

Ogni giorno la pensi senza motivo e quel pensiero si trascina dietro un sacco di seghe mentali inutili che ti scollegano dalla realtà

 

Se la invitassi fuori ora, accetterebbe?

Mi starà pensando anche lei?

Quando le dovrei scrivere? Oddio, e per dirle cosa?

Cazzo ha visualizzato ma non ha risposto, e adesso??

 

E’ difficile, in queste condizioni, recuperare l’equilibrio senza cadere giù da quel filo sottilissimo che vi lega nella fase iniziale di un rapporto.

 

 

Ho fatto ciò che andava fatto: imporre il silenzio stampa e fissare con un’altra, sia per riprendermi col cervello che per ricordarmi che non c’è solo una donna al mondo.

 

Fatto questo, la risento dopo 4 giorni per invitarla a cena.

Si presenta da me con una bottiglia di vino.

Mangiamo e la cena è tutta un gran ridere, lei riesce a mettermi di buon umore come poche. Dopo il dolce ci spostiamo sul divano e guardiamo un paio di video stupidi al videoproiettore, poi non resisto più, me la tiro addosso e la bacio.

 

– Che dici, ora me la posso scopare?

– Adesso sei pronto, giovane Padawan.

 

La sollevo di peso, la porto in camera e la butto sul letto.

Ci spogliamo, i vestiti volano a caso per la stanza, i ferormoni schizzano contro le pareti, gli spermatozoi si dispongono in file ordinate, è tutta una gran fe- <<Hai un preservativo o VUOI UN FIGLIO?>> -sta.

 

 

shock trombamica

Porco cazzo

 

 

 

– AAAAAAAAAAAAAAHHHH CHE CAZZO DICEEEEEEEE

– Preservativo, preservativo, CALMO, fammi prendere un preservativo NON TI AMMOSCIARE -RIPETO – NON TI AMMOSCIARE E’ TUTTO OK

– SI METTI QUEL CAZZO DI COSO FAI QUELLO CHE TI PARE BASTA CHE NON DICA MAI PIU’ UNA COSA SIMILE 

 

Mi salvo in extremis piallandomi un durex sul cazzo senza nemmeno guardare, mettendolo al contrario e con una bolla d’aria in cima che sembra una mongolfiera.

Reggerà.

La scopo più hard che posso per vendicarmi, ma in realtà sembra che la ragazza tenda leggermente al bdsm, quindi le piace.

 

– Mi ha proprio fregato.

– E’ sveglia, la ragazzina.

 

commenta le storie del cazzo

Lascia un Commento

8 Commenti su "Come superare il Trip alla Ted Mosby e farsi una trombamica"

Keran92

ahahahha la capacità di mandarti in crisi nei momenti clou delll’azione è proprio tutta femminile

onore a victor che ha resistito!

p.s. certo che cavolo c’hai proprio ragione il TTM è devastante però penso il trucco sia sapere che esiste, una volta che sai che cosa è e quando ti può capitare se hai un minimo di preparazione lo superi :)

Proprietario di Victor

Si, appunto, la preparazione che serve è minima, per il resto serve solo un po’ di cara vecchia IGNORANZA! :D

Fella

Cazzo ma le conosci tutte te le ragazze con “tendenze bdsm”! 😂
Non sarai mica stato sfidato da Andrea diprè vero?

Fella

Ma dio, è una storia vecchia. Che cazzo mi sembrava di averla già letta, vuol dire che rimarrò qui a commentare da solo con me stesso.

Schrodinger

Magari riceverai risposta, tutti quelli del Club che hanno ricevuto la mail ci avranno fatto un salto

Ahahahah ragazzi non è che le storie vecchie facciano la muffa eh :D

Ogni lunedì ci sono i Victorini del Club che passano a leggerne una o due in attesa di quelle nuove (e anche perché di blog leggibili a tema cazzeggio ce ne sono davvero pochi in Italia, quindi ad alcuni tocca rileggere le mie stronzate :)

Quindi niente, sappiate che io veglio e sorveglio e leggo tutti i commenti.

Comunque, per rispondere, ho scoperto che una grande percentuale di ragazze fantastica di essere legata e posseduta a vari livelli di violenza da un uomo che le piace (ovviamente con la sicurezza di poter interrompere il tutto in un istante con una semplice parola).

Io ho scoperto che ‘sta roba non fa tanto per me, mentre un carissimo Victorino con cui mi sento ci sta dando dentro di brutto a Oxford e la sua safeword è “banana” quindi mi fa spisciare ogni volta che mi manda gli screen delle conversazioni.

Buona banana a tutti.

Edoarda

Sarà anche vecchia ma io me l’ero persa quindi ok così che ho potuto leggerla adesso, fa sempre piacere iniziare la giornata con Victor che ti dà sostanzialmente della femminuccia
Ahahah

Forte anche ritrovare qui gli amici del club di là

Mica vanno a male le storie :P

wpDiscuz