Una festa sobria ed elegante

festa

«Allora, senti. Cosa più importante di tutte: l’hai fatto o no il threesome?», mi chiede Bro al telefono.
«No.»

Non è potuto venire alla festa di Storie del Cazzo perché l’università gli ha piantato un rendez-vous al Parlamento Europeo di Bruxelles.

Chissà che rituali Voodoo ha praticato la sua ragazza per cambiare la chimica dell’universo e far confluire i due eventi nello stesso giorno.

«Ti sei fatto almeno sei Victorine nell’arco della serata come ti avevo detto?»
«Nemmeno.»
«La nostra conversazione finisce qui.»

Non mi ha riattaccato in faccia ma poco c’è mancato.
Poi gli ho raccontato tutto.

In effetti ‘sta festa non è stata nulla di che.
Non c’è stata nessuna orgia, ad esempio.
Non ho fatto nessun triangolo.
Potrei effettivamente aver dovuto buttare via un paio di boxer perché avevano perso le loro proprietà di confortevole aderenza ai miei glutei, ma son cose che capitano. Nessun boxer è eterno.

Se fossi sotto giuramento dovrei anche confessare che sì, c’era qualche stripper. Qualcuno potrebbe definire una o più di quelle otto ragazze come angeli scesi dal cielo, ma io voglio tenere le parole per terra.

Mi è parso di scorgere qualche lingua, qua e là, qualche coppietta che si è formata in modo pudico e romantico sotto la luce della luna nel prato fuori dal locale.

Qualcuno è entrato per sbaglio in bagno insieme, ma siamo onesti, a chi non è mai successo dopo qualche bicchiere di vino di voler accompagnare la propria damigella in bagno e di non ricordarsi di dover entrare nell’altra porta?

Nessun problema comunque, i buttafuori hanno gentilmente fatto notare l’errore e la cosa si è risolta.

In generale, i Victorini si sono comportati da signori, e non era raro che uno di loro invitasse una Victorina a seguirlo nel privé, accompagnati da uno di quegli angeli, per poter discutere amabilmente alla maniera di F. Scott Fitzgerald, che disse: “Mi piacciono le feste grandi. Sono così intime. Alle feste piccole non c’è nessuna privacy.”

Dei signori, dicevo.

Addirittura, quando le strippers si avvicinavano troppo, la reazione dei ragazzi era esattamente quella che ci si potrebbe aspettare in una situazione del genere.

chiari segnali

Non vedi che stiamo parlando di Schopenhauer?

Poi, come ad ogni festa su cui si erano venute a creare molte aspettative, sono stato informato di alcune leggende metropolitane che sono nate nei giorni successivi.

C’è chi asserisce di possedere il video di un gluteo pallido nella notte, ritmicamente semovente tra le frasche, mentre viene illuminato dai fari di una BMW. – Che ho messo la bandierina su un paese nuovo lo dici? C’è chi afferma di aver visto Coinquì cercare di vendere una victorina alle strippers per uno spettacolo, in cambio di una bottiglia di prosecco, e riuscire nel suo intento. – Oh, ma devi dare più dettagli! Un victorino potrebbe avere involontariamente sfondato non una, ma ben due sedie nel romantico tentativo di far accomodare sulle sue gambe una cameriera, vista la penuria di sedie libere. Una victorina potrebbe aver trovato l’amore, un’altra i rovi, un’altra Victor. Qualcuno potrebbe dire che abbiamo sfrattato le ballerine dai pali, trasformando il locale nella nostra discoteca privata. Il proprietario del locale potrebbe essersi lamentato del fatto di non essere minimamente riuscito a rimetterci a sedere dopo l’antipasto, cosa che ha complicato non poco il servizio delle portate della cena.  – La smetti di ignorarmi? C’è chi dice di avere una foto di me perizomato alla Borat che cerco di trovare dei vestiti sul corpo di una ragazza con le braccia protese nella mia direzione. Un’altra storia narra il triste epilogo di un victorino, tutto contento perché una victorina l’aveva accompagnato in albergo e aveva lei stessa chiesto se poteva usare il bagno della camera, ma nulla… Doveva davvero solo usare il bagno. – Vuoi darmi un po’ di importanza?! C’è anche chi sostiene di aver trovato simpatico Brodino, cosa impossibile che fa legittimamente dubitare di tutto quello che hai appena letto. Infatti io nego tutto. – Stronzo

Di una cosa però sono sicuro.
La vecchia storia del tenere le aspettative basse per non rimanerci male non fa proprio per me. Io mi aspettavo grandi cose da questa festa, per il semplice fatto che ci tenevo talmente tanto che qualsiasi cosa fosse successa sarebbe stata come un’iniezione in vena.

Potevo ritrovarmi ficcata nel braccio una siringa di sfiga, litigi, rotture di cazzo a sfare, gente che si comporta male e victorine sfavate.

Se non mi fosse piaciuta la mia gente penso che avrei chiuso tutto. Infatti nel periodo prima della festa ho scritto pochissimo perché ero troppo in ansia.

E invece è stata una trasfusione di fiducia talmente forte che ora sto guardando il piccolo mondo di Storie del Cazzo con occhi nuovi.

Tipo così

È piccolo perché di gente figa ce n’è poca in giro. Il livello dei victorini e delle victorine è altissimo, hanno superato ogni mia più folle immaginazione per una cena sobria ed elegante dove non è successo nulla di che come quella che abbiamo fatto.

Non dimenticherò mai quello che ho provato quando finalmente ho iniziato a rilassarmi, subito prima della gara di tombola, tipo verso l’una di notte, dopo essermi assicurato in maniera maniacale che tutto andasse bene per il ritrovo, le liste, i posti a sedere, la consegna del regalo […]

Tutti i presenti hanno ricevuto una lettera da parte del loro amatissimo leader
(Victor, non io)

[…] Insomma dopo che tutto era andato bene e non avevo più nulla di cui preoccuparmi in maniera ossessiva, ho guardato verso quella schiera di sorrisi felici, perfettamente mischiati e amalgamati, che discutevano di arte e filosofia come argilla viva. Non so come spiegare ‘sta cosa ma ci provo.

Hai presente quando fai una festa anche solo con 20 persone e si formano i gruppetti coi soliti quattro stronzi che stanno assieme in un gruppo chiuso e nessuno fa conoscenza con nessun altro? Ecco adesso immaginati l’esatto opposto.

I Victorini si sono comportati come se si conoscessero tutti da una vita, saltando da una persona all’altra con una libertà pazzesca, scomponendosi e ricomponendosi come uno di quei personaggi dei cartoni animati che anche se li fai a pezzi tornano insieme. Ti assicuro che su 50 persone questa cosa faceva davvero impressione e nessuno nel locale poteva pensare che quella fosse la nostra prima festa tutti insieme.

Alle tre di notte, in un pieno momento di emotività alcolica durante il torneo di briscola, ho sentito un legame davvero forte con i miei victorini e victorine.

Lo avranno sentito anche loro? Boh.

Il motivo per cui son così contenti non troverà spazio fra queste righe. Rimarrà per sempre nelle parti di memoria non cancellate dall’alcol dei presenti. Chi è curioso, la prossima volta si sbrigherà di più a prendere il biglietto. Tipo tra un anno, forse.

Io, dal mio canto, non dimenticherò mai, mai finché campo o finché mi viene l’Alzheimer, che – anche se solo per una notte – sono riuscito a radunare 25 ragazzi e 25 ragazze col cazzo! Col cazzo, capisci!? Letteralmente!! Incredibile.

 

Nella vita, a parte i disastri emotivi e le crisi spirituali e le insicurezze profonde e gli squarci familiari, devo dire che le cose mi sono sempre andate benino. Sono riuscito a fare più o meno tutto quello che volevo, ma questa, questa è senza ombra di dubbio la cosa più bella che abbia mai realizzato.

Ormai sono affezionato ai miei victorini come se fossero un piccolo prototipo di famiglia o di comune o di esercito con cui realizzare grandi cose.

Questa è dedicata a voi.

busta150

La Posta del Pene

Una mail al giorno, dal lunedì al venerdì, per allietare le tue pause al cesso.

58
Lascia un Commento

30 Comment threads
28 Thread replies
9 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
32 Comment authors
Favalonga Pirillonzi

A me è piaciuta soprattutto la tombola di mezzanotte.
È stata una festa morigerata e parteciperei volentieri anche ad un’eventuale replica.

Losciallp

Tu, tu mi fai emozionare. Again and again. E comunque si, posso accettare che la seconda festa ufficiale sia fra un anno, ma se guardi infondo infondo infondo nel tuo cuore, di certo troverai spazio per la prima festa di reunion della prima festa del cazzo. Infondo infondo. Comunque davvero, si scherzava tanto prima della festa sul far rodere laggente del gruppo che aveva i crampi alle dita al momento della prenotazione, anche perché, in definitiva, che cazzo ne sapevamo noi di cosa ne sarebbe stato quella sera? Come potevamo anche solo lontanamente prevedere il successo interplanetario di tale serata? Personalmente è stato uno degli eventi più intensi di sempre, e ora sì, lo posso dire con sicurezza, mangiatevi le mani e poi poi passate ai piedi. E niente, infine, anche se mi sento coperto di brillantini e arcobaleni rosa mentre lo dico, penso di volerti un po’ di bene. E anche agli altri impavidi 50. Un abbraccio e di nuovo grazie dei like per la macchina.

Brodino Vegetale

Hahahahaha è stata una bella festa si, e di storie se ne potrebbero veramente raccontare a bizzeffe!
Ogni giorno che passa esce un gossip assurdo del quale non ero a conoscenza e mi meraviglio del fatto che non siamo stati cacciati per atti osceni :D (almeno non tutti)
Ho assistito a baci tra donne che non si erano mai viste ne parlate, Victorine che pomiciavano strippers, uomini che ricevevano a 30 e passa anni il primo bacio da parte di un altro uomo, ho leccato le tette ad una Victorina davanti alla mia ragazza… di tutto e di più (anche se a questo genere di feste un po sono abituato)
Felice di far parte di questa piccola famiglia che segue le cazzate fatte da un essere, alle volte insignificante e scemo (pure gay in certe occasioni), ad un pene attaccato di nome Victor.
Usate bene il vostro Benvi così da poter vincere i vari premi in palio, e ricordate, alle volte è meglio lasciar perdere la bandierina, e la persona alla quale mi riferisco lo sa bene :D

P.S: Per tutti quelli che non siete venuti ho una cosa da dirvi… CAZZI VOSTRI

pumitrozzola

Briscola,filosofia e preghiere con varie invocazioni a Dio..ho visto conversioni che San Paolo a Damasco scansiti proprio….io stessa ho visto i santi venirmi incontro e mi sono convertita…insomma una normale cerimonia ecclesiastica stile Conclave in cui la papalina per me (nonostante PdV,Coinquì e Brodino hanno reso ardua la scelta) l’ha vinta un cucciolo d’uomo a cui qualcuna ha detto “beh dai rimettiti la camicia che ti sei visto?”..salvo poi che questo cucciolone il suo perchè lo aveva e lo ha dimostrato (per altro grazie a lui io ho vinto una sobra bottiglia di digestivo)..Inoltre abbiamo salvato una vita a suon di like…e si è discusso di alta politica internazionale…in cui abbiamo trovato la chiave della pace mondiale e dell’altruismo più spinto… Insomma come stare in hangover per una vita e non pentirsene..
Ma in fondo non vi siete persi un cazzo…. :) :) :) :)
Sfigatiiiii (è politically correct dirlo??!!!) vabbè sti cazzi

Neuromante

Io sono in piena crisi d’astinenza. Non mi puoi dire che dovrò aspettare 1 anno per rivedere L., M., F., G. E tutti gli altri. Io direi di trattare ed arrivare ad una festa ogni 2 / 3 settimane. Mi sembra un buon compromesso.
Ah, per chi non c’era alla festa: carina dai, mi aspettavo qualcosa di più scatenato ma almeno alla fine hanno fatto la lotteria ed il torneo di briscola. Non prendete i prossimi biglietti. Ci sacrificheremo di nuovo noi.

Don

Mi viene da piangere rileggendo questa cronaca e sono già passati 5 giorni, ma quello che conta è che questa serata mi rimarrà nel cuore per sempre. A Firenze è stata scritta la storia! Non vedo l’ora di rivedervi tutti quanti! E chi non c’era, cazzi suoi! Anzi, cerchi di non esserci neanche la volta prossima così rivedo la stessa compagnia <3

BumBum

Don <3

Don

Chi sei? Comunque <3

Vagiullo

Ma che veramente c’è stata una tombola?

Wolf

Si (io ho fatto quaterna)

Vagiullo

Sto cercando di capire quante cose ho rimosso/mi sono persa, non ti burlare di me

Neuromante

C’è stata davvero ed ha segnato l’inizio dello scazzo che ci ha accompagnato per tutto il resto della serata. E dire che mi mancava un solo numero per beccare il primo premio.

wolf

Se non ti ricordi della tombola (solo 3 giri,ma vabbeh, avrei preferito di più) ,non oso pensare quante cose tu abbia rimosso .

pumitrozzola

Ovvio!!!

Pennellone Bagnafica

Festicciola tutto sommato tranquilla! Ho leccato più capezzoli in sei ore che nel resto del 2017, ho visto uno discutere di teologia con una stripper maggiorata, ho perso la voce (ma non la dignità), ho vinto il torneo di briscola perché ero uno dei pochi a sapere quanto fa 15+18, ho morso delle guanciotte stupende e in generale ho battuto ogni record di durata di durello.
Tutto sommato è stata come le festine di fine anno del catechismo, discrete e morigerate, ma con le stripper (mi sono realmente innamorato di una) al posto delle suore. Il prete invece c’era lo stesso, per davvero!

Vrum Vrum

E che prete!!

Wolf

Era dai tempi delle feste all’oratorio parrocchiale che non provavo quell’ebrezza legata alle interminabili tombolate che duravano ore ed ore ed alla fine non vincevi un cazzo ; i chicchi di mais al posto dei segnanumeri, i simpaticoni che gridavano “ambooo” già al secondo numero estratto , le adorate QUATERNE (sniff sniff), le SUORE che giravano ai tavoli per controllare che tu non toccassi la gamba alla vicina di tavolo e via così .

Iniziare una festa sentendo LA stripper più gnocca dire “ma come avete fatto a portare così tanta figa qua dentro?” potrebbe rendere un poco di onore a quello che PdV&V hanno fatto, ma no, non sarebbe abbastanza .

Vi adoro tutti, anche coloro che non sono riuscito a conoscere, perchè sì, in fondo siamo Victorini.

W

Favalonga Pirillonzi

Ambo si urla al primo numero!
Ma per tutto il resto mi trovi d’accordo.

wolf

Ah ecco, sei stato tu allora.
Che l’ennesimo ban ti colga !

EveryBushHasItsThorns

E’ da sabato che vorrei scrivere un commento, una cosa qualsiasi per esprimere a tutti i partecipanti all’evento i miei più sentiti ringraziamenti per quella che è stata una delle serate più belle della mia vita. Poi, ogni volta che sono lì, pronta per buttare giù due righe, qualcun altro degli astanti pubblica un commento che mi toglie letteralmente le parole di bocca. La cosa più bella è che siamo usciti tutti contenti e concordi sull’epicità ed al contempo la sobrietà della festa. Il risultato è stato decisamente superiore alle aspettative.
Per quanto mi riguarda lo tengo valido come mio addio al nubilato, anche se non mi devo sposare (per ora e forse per sempre).

Marmellata Spaziale

Questo è il mio primo commento sul blog…

Non ho conosciuto tutti i victorini alla festa però con le persone con le quali ho parlato si è creato subito intesa, in particolare con la squadra della Casaccia! Grandi!

I/le Victorini/e che ho conosciuto mi stanno simpatici TUTTI!
(È bellissimo perché di solito non tutte le persone nuove che conosco mi garbano)

Un’altra cosa importante che ho notato è un livello di giudizio molto basso: ogni persona era libera di fare ciò che voleva senza preoccuparsi di gente che parlava alle spalle, ho visto gente felice, figo!

P.S.: Se dovessi scegliere una cosa che mi ha fatto pensare “Si, alla prossima festa voglio esserci assolutamente” è la messa a cui siamo andati tutti insieme alle 9.00 di Domenica mattina.

Messa da ripetere assolutamente!

Vrum Vrum

Sarò sincero, come (quasi) sempre: quando ho letto che veramente si faceva questa festa non ho esitato, ho preso subito il biglietto e controllato le carte da briscola.
C’erano tutte!

E anche quando mi saltavano in mente quei dubbi che chiunque si appresti ad andare in un posto sconosciuto a una festa sconosciuta, caricando due sconosciuti lungo la strada e prenotando un appartamento con altri 7 sconosciuti avrebbe..
Anche allora mi dicevo “E ‘sticazzi!”.
Ho sempre avuto la sensazione di fondo che questa ‘cosa’ sarebbe riuscita bene.

Infatti durante il viaggio mi sono trovato bene, a pranzo mi sono trovato bene, mi sono trovato bene anche con la fiorentina anche se non l’avevo mai mangiata!!

La festa è stata oggettivamente.. boh non lo so, parlando con gli altri presenti mi sono reso conto che ho perso metà delle scene epiche della serata, ma mi sono divertito un botto lo stesso quindi mi prenoto già per la prossima!

L’unica cosa è che, tornato a casa, mi sono accorto che mi manca il cavallo di spade..
PdV, sai se l’hanno ritrovato?

Ultima cosa, dato che non te l’ho detto di persona:

GRAZIE, grazie davvero di cuore perchè hai fatto e stai facendo una bella cosa.
Non so dove andrà a finire, ma mi piace un sacco!!
E ovviamente grazie anche a tutti i victorini e le victorine con cui ho scambiato anche solo un ‘Ciao!’, spero di rivedervi presto!

Baby

Leggendo la storia e i commenti non credo ci sia molto da aggiungere, anche perché “quello che succede alla festa resta alla festa” quindi non rimane molto da raccontare.
Ci tengo a dire soltanto una cosa…è stato al di sopra di ogni aspettativa, è andato tutto come doveva e le persone erano quelle giuste!
Penso che questo evento rimarrà nella storia e mi dispiace per chi se lo è perso perché non saprà mai quanto possa essere facile amare degli sconosciuti che hanno deciso di unirsi in nome di Victor. ♡
Spero di rivedervi tutti alla prossima festa (che sarà molto presto…vero pdV?)

Ciappi Ciap

Sono capitata alla festa quasi per caso, pura coincidenza di date tra un ritrovo di pazzi esaltati e un “andiamo a vedere gli Uffizi a Firenze?” con un’amica.
Le mie aspettative non è che fossero basse, non c’erano proprio.
Il giorno dopo la festa mi sono svegliata con un senso di eccitazione ancora in corpo mista a imbarazzo per quello che ho fatto misto hangover. Era una cosa che non succedeva da anni, per questo ti ringrazio di avermi invitata e avermi fatto conoscere ‘sta banda di scappati di casa. Eravamo fantastici. E poi ho fatto cose che non penso avrei mai fatto in vita mia, tipo mangiare la pizza in uno strip club!
(Le strippers in generale mi hanno evitata/trattata con distacco -come anche PdV si è accorto-, ma posso affermare con fierezza che alla fine almeno un paio mi hanno infilato la testa fra le gambe. W Me.)
Spero di rivedervi tutti presto, vi si ama!

ChubbyCheek

Io non scorderò mai il modo sobrio in cui un prete ha rifiutato le avances di una spogliarellista.

Lui si che è un uomo di fede.

Sì, seguace del Victoresimo.

Victor

Ma è possibile che ogni volta che andiamo al Excelsior non si faccia mai un triangolo? Sto veramente pensando che tu non mi meriti

Saretta

Dai su, organizzala prima!!!! :)

Edwige

Io non c’ero. Ma è bello mentre sei in sala d’attesa x un importantissimo appuntamento di lavoro ricevere a sorpresa questa storia. Mette felicità e fiducia nel genere umano.

Lord_Lordo

È stata una serata fantastica! Abbiamo discusso in maniera sobria e composta di arte, filosofia e politica internazionale prima di dedicarci a una sana tombolata.
Purtroppo ho mancato la cinquina perchè PdV ha fatto uscire il 31 al posto del 47, ma ho apprezzato il supporto delle suore novizie durante la serata…

Vabbè mo seriamente: è stata una serata fantastica!
Raramente mi è capitato di trovarmi così bene con persone che conoscevo praticamente zero :D
Già durante il pranzo e nella casaccia si era creata una bella chimica, ma alla festa le cose son esplose.
Ero contentissimo di poter essere me stesso, così come tutte le Victorine e Victorine.
Una nota negativa, aver perso il telefono con relative foto epiche.
Ma la serata la ricorderò finché campo.
Grazie PdV! Ora, quando facciamo la prossima :D

LOLLYBODY

Io ero seduta al tavolo di “scala quaranta”. Ho guardato i miei compagni di tavolo e ho visto subito l’eccitazione nei loro occhi per la partita che stava per cominciare.
“Oh ragazzi, senza accanimento peró, che siam qui per divertirci!”.
Non è scontato che si partecipi a serate cosi per puro senso goliardico, per voglia di giocare, scherzare e divertirsi.
C’è pure gente al mondo che deve vincere a tutti i costi e che nella corsa verso il totalizzare il punteggio maggiore, lascia dietro di sè compagni di gioco insoddisfatti, stracciati senza pietà, demoralizzati per lo spirito di squadra totalmente assente. Io sono una giocatrice per vocazione, ho la passione del gioco, me lo godo tutto e amo quei giochi in cui si vince tutti. Non perde nessuno. Ecco com’è stata questa festa. Potevo chiedere di piú?! Gira sta storia di sto ragazzo di un altro gruppo che è venuto da noi a dirci”Ma chi caxxo siete voi? Amici di vecchia data?” “No, ci vediamo oggi x la prima volta!” ” ma com’è che vi scambiate le carte con gli altri come se nulla fosse, com’è che formate squadre da tre o quattro invece che da due, com’è che mostrate le carte cosi liberamente facendole volare per il locale?! A carte scoperte è come essere nudi!” ” eh siamo victorini e victorine” “i vostri giochi li voglio fare pure io. Voglio essere uno di voi”.E come biasimarlo? Siam gente fortunata noi e io ne ho avuto conferma proprio quella sera. Ho avuto per le mani molte delle 52 carte del mazzo, ma a fine serata ho chiuso con un asso, un re, una donna di cuori, un Jack e pure un Jolly. E la cosa bella è che a quel tavolo abbiamo chiuso tutti cosi. W la scala quaranta!!!

LOLLYBODY

Prossima volta scopone scientifico!????

BumBum

Io ti amo

Vrum Vrum

Non so chi sei, ma io ti cercherò, ti troverò e giocherò con te la prossima volta.

LuBa

:D :D :D

La TiraPacchi

Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica – è stata molto più di una festa, voi avete gioiosamente messo in pratica tutto ciò che di SdC è l’idea. Aver avuto la possibilità di venire e aver dovuto rinunciare è una grande sofferenza per me. Siete dei grandissimi.

NaFigator

Aaaah Firenze ..

C’è chi nel 1300 in 15 anni ci ha scritto la Divina Commedia e chi in una notte radunandoci tutti sotto un tetto o più tette, invece, ci ha scritto la storia che di commedia non avrà nulla ma di Divino ha sicuramente tutto

BumBum

Eh.
Io ero titubante.
Non ero affatto sicura che fosse l’ambiente adatto a me: 47 persone mai viste prima: 3 viste solo in video, 2 il tempo di un aperitivo.
Ma immaginavo sarebbe stato qualcosa di epico (e posso tranquillamente dire di aver sottostimato gli eventi).
Così ho fatto carte false (voi sapete), perché questa festa era assolutamente imperdibile!

Avevo paura di pentirmi.
E timori di ogni tipo…
E il timore peggiore: quello di boiocottarmi all’ultimo e tirarmi indietro.
Per evitarlo: Nei giorni precedenti ho conosciuto in chat molti dei partecipanti, mi sono preparata insomma. Arrivando che conoscevo già quasi tutti.
Ed è stato epico.

Come dice Mich, “siamo la sua gente” ed è vero.
Appena visti è stato come conoscersi da sempre! Mai avuta tanta sintonia in poco tempo.
Mai.

Il pranzo insieme, la casa condivisa con ragazze mai viste e Concetta, la host peggiore di sempre, ma accidenti se ci ha fatte ridere,

I miei momenti preferiti sono stati quelli hippy da figli dei fiori! Inarrivabili!

Epica credo sia la parola che meglio descrive il tutto.

Epica come la sconfitta arrivata tra capo e collo con un maledetto due di briscola. Una distrazione imperdonabile. Subito colta da Fede che non ha avuto scrupoli.

Riassumendo:
Come ampiamente dimostrato alla festa:
Io, vi amo TUTTI.

Bebbona

Se mi avessero chiesto “cosa ti aspetti dal week end a Firenze?” il giorno in cui ho prenotato il viaggio non avrei mai detto “una tombolata in un Night club”. Ma quando la mia amica mi ha detto “senti, ci sarebbe questa festa di Storiedelca…” non le ho fatto nemmeno finire la frase. L’ho interrotta con un romanissimo “ANNAMO”. Situazioni paradossali, divertentissime. Spero di riviverle al più presto con l’obiettivo di essere almeno dieci volte più ubriaca e di ciucciare qualche tetta rifatta di qualche spogliarellista
Ps: e comunque io ho veramente partecipato ad una conversazione sulla fede. Tra sacro e profano, anche se in genere preferisco essere profanata

Victorina Vergine

Primo commento sul blog!

Se proprio devo dirla tutta non ho mai letto questo blog… Per questo l’invito è stato molto inaspettato, e di questo devo ringraziare l’indecisione femminile.

Diciamo che sono una Victorina “Vergine”

Alla festa si è visto di tutto, come giravo la testa vedevo: victorine che a due a due leccavano poppe rifatte e non; spogliarelliste che prendevano a cinghiate i poveri sederi dei victorini quando non guardavano; e un mega trenino accarezzare tutta la sala a suono di musica latina

Strano quanto sia stato divertente passare del tempo con sconosciuti in un night club, da rifare!

E pensare che arrivata alla festa pensavo, stupidamente, che questo Victor di cui tutti/e parlavano fosse lo pseudonimo del proprietario e non che facesse parte del proprietario…

Dia.hane

Mi magno le mani, ma sono contenta per voi e per quello che sei riuscito a fare. Questo significa vivere su questa terra. Tu e voi siete quelli che danno senso alla vita. Grazie per avermi fatto conoscere questa realtà

Il Chitarrista

Già a dover lavorare proprio quella sera non la presi bene, ma dopo questa story…
Non sono stato uno molto attivo su questo blog, ma ti seguo da prima che finisti su Fox!
Ne hai fatta di strada e ad ogni modo il tuo modo di scrivere mi cattura sempre!
Complimenti per la
Story e per la festa!
Mi auguro di non esser schiavizzato dal lavoro la prossima.

W il popolo dei Victorini liberi!

Gigoló cubano

Sono con una Victorina che si definisce leggermente figa. Ció detto mi sta accusando di non aver commentato. Infamia! Che dire, il dizionario italiano non é sufficiente, anzi il dizionario mondiale non é esaustivo per descrivere il tornado di follie capitate in quella serata. Chi c’era capirà, chi non c’era vivrà per l’eternità nella dannazione.

TheGreatMaster

Dei Victorin la festa
a raccontar mi appresto,
è questo un picciol gesto:
ognun la legga qui.

O mente che scrivesti
ciò che alla festa io vidi,
benché tu ancor bevesti
fa che di te mi fidi.

L’Excelsior di Firenze
luogo di gioie è stato,
ognun di noi è rinato,
noi ripartiam da qui.

Tra canti, suoni e vino
fatto all’amor noi abbiamo
e ancor noi declamiamo
il grido di evoè.

Siam peccator carnali,
nuovo furor ci prese
e la passion s’accese
vincendo ogni timor.

Le saffiche visioni
colpito m’hanno in core,
or sento un nuovo ardore,
or vedo ogni color.

Tra tante tette e tette
amore io v’ho trovato:
sia pur non ricambiato,
sempre ricorderò.

Anch’altro dir potrei,
ma la Musa or mi tace,
non sono più capace
di scriver ciò che so.

Presente chi non v’era
a rosicar fa bene,
a ognun le proprie pene
e la finisco qui.

Don

Orco dio!

Mia Barrac(cantautrice quasi famosa)

Il 30 settembre mi sono regalata un concerto di compleanno. Nella più totale autocelebrazione, circondata da persone che mi seguono, mi stimano, si sono amate fra loro mentre festeggiavano il fatto di essere miei amici.
Erano felici. Leggere questo posto mi ha fatto sorridere il cuore.

Un altro idolo.

Potrebbero interessarti anche...

Send this to a friend

Oh, ho trovato questa cosa da farti leggere: Una festa sobria ed elegante! Questo è il link: https://storiedelcazzo.com/festa-sobria-ed-elegante/