A Mister X non piace Cuba – Decamerone Cazzone ep. 6

IMG_20200318_114015_206

Firenze.
Venerdì sera.
Mezzanotte.
Bar scrauso ma accogliente.

5 ragazzi e 5 ragazze sono seduti in cerchio, attorno ad un tavolo imbandito di alcolici di varia natura. Nessuno di loro sa che questa sarà la loro ultima serata tutti insieme, prima della quarantena.

La condensa si arrampica sulle pareti dei bicchieri pieni di gin tonic mentre ognuno dei ragazzi, a turno, racconta un’esperienza della propria vita ad alto impatto emotivo.

Ovviamente il gioco degenera già dalla prima storia su racconti a sfondo sessuale, essendo il sesso la più grande fonte di gioie, imbarazzo e sofferenze della vita di tutti noi.

Potrei raccontarti la storia della ragazza che si è addormentata sotto a un albero dopo una serata goliardica, risvegliandosi poi su un divano, accanto al suo ex-ragazzo a cui una tipina a caso stava facendo un pompino.

Potrei raccontarti la storia dell’uomo-dal-batacchio-ritorto che poteva far sesso solo con tipine a pecora, o del pompino alla crema idratante Nivea (pessima idea, fa le bolle); ma ti racconterò la storia di un viaggio a Cuba, raccontata da Piripalla, una ragazza super solare, che parla veloce e con entusiasmo, seduta sulle ginocchia di Mister X, suo attuale compagno.

Ecco cosa ci ha raccontato.


“Ok va bene, tocca a me.

Allora, dovete sapere che io ho perso la verginità a sedici anni, e per due anni sono stata con lo stesso ragazzo, pensando che, insomma, il suo pisello fosse grande, perfetto eccetera.

In realtà, ecco, ce l’aveva piuttosto piccino. Ma forse non me ne sarei mai accorta se non fossi andata in vacanza a Cuba…

Sono andata in vacanza con mia mamma. Ero molto innocente, dormivo in camera con lei e non avevo in mente di conoscere nessuno.

Poi però una sera, nel residence, ho incontrato Juan e, ommioddio, era veramente bellissimo. Grande, possente.”

Per evidenziare la possenza di Juan, Piripalla si agita tutta, in bilico sulle ginocchia del suo fidanzato, mentre mima l’atto di toccare due spalle grandi come palle di cannone.

Mister X la guarda impassibile da dietro, ma lei non lo vede minimamente e continua tutta gasata a modellare il fisico di Juan come una scultura di marmo invisibile, con un’espressione sempre più soddisfatta.

“Ahahahah, ora viene.”, fa Fil.
“Guardate Mister X com’è contento!”, dice Brodino.
“Ahahaahah, vai continua, continua!”, pigola Fiamma.

“E niente, io all’inizio l’ho respinto, cioè, non me la volevo tirare, però stavo lì solo per tre settimane, quindi non cercavo nulla. Però poi, insomma, lui continuava ad insistere, ci provava spudoratamente… pensate che tutti i giorni mi faceva trovare un tovagliolo con una poesia scritta a mano, dedicata a me.”

“Uuuuuuuuuuuhhhhhh!”, cinguettano tutte le ragazze in coro.

(Mister X guarda il soffitto)

“Sì, sì, magnifico! E poi una sera mi ha chiesto di scappare con lui, di andare all’Havana, ma mia mamma ovviamente non mi ha lasciata andare, quindi gli ho dato buca. Mi si è spezzato il cuore, davvero.

Il giorno dopo ci siamo rivisti nel residence e lui mi ha detto che voleva stare con me, poi è andato a parlare con mia madre, dicendole che era un ragazzo per bene, che voleva conoscermi e che lei doveva fidarsi di lui.”

“No vabbè, davvero ha fatto una cosa del genere? Stima infinita per Juan.”
“Idolo.”
“Mister X sei nella merda.”

“Non so come, ma alla fine ha conquistato pure mia mamma, quindi una volta, di pomeriggio lei se n’è andata in spiaggia e mi ha lasciata sola. Juan è arrivato subito e mi ha chiesto di accompagnarlo in camera a prendere degli asciugamani da spiaggia.”

“Te n’è rimasto uno in borsa per caso? Stai a fa’ un lago lì sotto.”, dice Fil.
“Mister X doveva mettersi la cerata stasera.”, rincara Brodino.
“Ahahahahah che merde.”

“Ora, io ovviamente più o meno sapevo che cosa stavamo salendo a fare, ma ero piccola, ingenua e soprattutto avevo visto un solo pisello in tutta la mia vita… quindi ci sono rimasta davvero male quando Juan si è spogliato, perché in quel momento ho scoperto che il mio ex ce l’aveva piccolissimo! Cioè Juan aveva un cazzo gigantesco, io non sapevo come fare a dargliela.”

Io rischio di strozzarmi con un cubetto di ghiaccio.

A Fiamma esce il mojito dal Naso.

Piripalla mima scenograficamente un missile terra-aria tipi quelli della Crisi di Cuba. Per tutto il racconto non ha mai guardato il suo ragazzo in faccia e ormai è in fiamme, totalmente rapita dai ricordi.

Brodino è piegato dal ridere.

Mister X, l’unico che non ride, deve reggerla per i fianchi per evitare che cada dalla sedia. Sulla sua faccia scorrono varie tonalità di emozioni differenti che vanno dal desiderio di sotterrarsi all’istinto omicida.

“Ma quindi non avete scopato?”, chiede Fil.

“No no ma che’ssei matto, era davvero ENORME, cioè, non ci ho nemmeno provato, mi son spaventata!”

“AHAHAHAHAHAH chissà perché non guardi Mister X con lo stesso terrore negli occhi.”

Giubilo e derisione si sollevano dai calici e si abbattono su Mister X, che solleva lo sguardo, lasciandolo vagare all’orizzonte, immaginando di perdersi tra verdi praterie piene di margherite e del tutto prive di cubani superdotati.

“Ma nooooo, che c’entra!” dice Piripalla, rendendosi conto solo ora di aver decantato le doti di un pene diverso da quello su cui era seduta.

Finalmente guarda il suo ragazzo e capisce che no, non era un fan di Juan come tutti gli altri. In un tentativo di salvarsi in zona Cesarini, Piripalla conclude la storia con una dolce morale:

“Amore, ognuno può avercelo lungo e grosso quanto gli pare… la cosa importante è che il tuo, per me, è perfetto!”

Se non è amore questo.


[Jingle di chiusura:]

La storia t’è piaciuta?
T’ha fatto cagare?
Poco male, tanto la potrai votare!

[/Jingle di chiusura]

Illustrazione 6 del Decamerone Cazzone: vi presento Katiusha

busta150

La Posta del Pene

Una mail al giorno, dal lunedì al venerdì, per allietare le tue pause al cesso.

6 Commenti
most voted
newest oldest
Inline Feedbacks
View all comments
Mister X
18 marzo 2020 12:45 pm

La cosa non mi range minimamente tranquilli…
Tranquilli…

Brodino Vegetale
18 marzo 2020 12:01 pm

hahahahahahahhahahahahaha Fil è l’unico al quale, pure su questo blog, non si può dare altro nome se non il proprio

l'Epitomatore
19 marzo 2020 4:04 am

Miglior storia, per ora, se non fosse mancata la scopata.

IAmTooOldForThisShit
19 marzo 2020 12:06 pm

Nel frattempo la scultura rossa dietro di te sta mimando le dimensioni dell’attrezzo di Juan…

PdV
19 marzo 2020 11:13 pm

Ahahahahahh

Potrebbero interessarti anche...

Spargi il seme di Victor!
Send this to a friend
Oh, ho trovato questa cosa da farti leggere: A Mister X non piace Cuba - Decamerone Cazzone ep. 6! Questo è il link: https://storiedelcazzo.com/a-mister-x-non-piace-cuba-decamerone-cazzone-ep-6/